I cookies ci aiutano a migliorare l'esperienza e a proteggerti. Continuando ad usare il sito, accetti le condizioni.

Open Eye Signal #13

di Redazione SoundBound

Diamo spazio agli ascolti che ci hanno colpito, alle release che riteniamo più interessanti o alla musica che pensiamo valga la pena essere ascoltata: ecco a voi il tredicesimo episodio della nostra rubrica “Open Eye Signal”.

Midland – Blush [Graded]
A distanza di nemmeno un anno dall’uscita di “Double Feature”, Midland fa il suo ritorno con “Blush”, un EP composto da tre tracce e pubblicato sulla sua etichetta “Graded”. Un altro degli ottimi lavori sfornati dal producer inglese, dove la traccia omonima la fa da padrone, che avrete sicuramente modo di sentire nei prossimi mesi nei set dei vostri dj preferiti, fra cui Sasha, che ha fatto esplodere la pista con questa canzone al Party Boat Miami.

Segnalata da: Gianpaolo Tuzzo

Interpol – El Pintor (Remixes) [Soft Limit]
La band newyorkese capitanata da Paul Banks, alla loro non molto memorabile quinta avventura preparano una compilation di remix per il Record Store Day a cui partecipano tanti artisti famosi nella scena elettronica internazionale come: Panda Bear, Beyond The Wizard’s Sleeve (Erol Alkan e Richard Norris), Ghost Culture, i Factory Floor, Tim Hecker e The Field. Un’uscita imperdibile.

Segnalata da: Gianpaolo Tuzzo

Cosmo – L’ultima festa
A tre anni di distanza dalla pubblicazione del suo album d’esordio, Cosmo, conosciuto anche come Marco Jacopo Bianchi e leader dei Drink to Me, rilascia il suo secondo disco “L’ultima festa” una delle novità più belle del panorama italiano. Un artista che sa come usare i synth e che con il suo cantato vi farà scorrere 35 piacevolissimi minuti, anche lui uno dei protagonisti della prossima edizione di Spring Attitude, il festival romano.

Segnalata da: Gianpaolo Tuzzo

Lucy – “She-Wolf Night Mourning” [StroboscopicArtefacts]
Lucy, nome d’arte di Luca Mortellaro, ritorna con Self Mythology, album uscito per la sua etichetta StroboscopicArtefacts. In “She-Wolf Night Mourning”, veniamo subito introdotti in un’atmosfera umida e selvaggia in cui echeggia fin dai primi secondi il pianto di una voce femminile – l’ululato della lupa – mentre un arpeggio di synth c’è e non c’è, salendo e scendendo nell’aria che si fa sempre più piena e poi improvvisamente si scioglie, come alla fine di una tempesta. Una regressione ad un passato che vive ancora nei nostri istinti più celati.

Segnalata da: Matteo Scopel

Axel Boman –  Dekmantel Podcast 068 [Dekmantel]
Lo Svedese Axel Boman è uno dei nostri selettori preferiti da sempre.
La sua estrosità e naturalezza nel combinare elementi old-school con
sonorità più pop o stravaganti, lo rende una delle figure più rispettate
nel panorama elettronico odierno. Dal suo studio/bunker in Stoccolma,
Axel ha sfornato uno dei migliori Dekmantel Podcast dell’anno fino ad ora.

Segnalata da: Elo

Person Of Interest – NOYFB EP [Clone Royal Oak]
Royal Oak è una delle più brillanti estensioni del Gruppo Clone Records.
Nei suoi sette anni di storia ha sempre avuto il merito di gettare luce su talenti internazionali in ascesa (tra questi anche i “nostri” Marco Bernardi, Rio Padice e Massimo Di Lena).
Per L’EP a catalogo n°31, fa il suo debutto Person Of Interest, aka Angel De La Guardia, membro della fucina di producer newyorkesi, nome non nuovo a chi segua label come L.I.E.S.

Segnalata da: Elo

Artisti Vari – DBA 024.5 EP [Don’t Be Afraid]
Il fervore musicale che sta vedendo protagonista Bristol ultimamente è degno di nota.
Diverse label interessanti sono nate negli ultimi anni, tutte contraddistinte dalla capacità di attrarre alcuni dei migliori talenti internazionali, correndo sagacemente i rischi necessari per proporre qualcosa di veramente fresh. Don’t Be Afraid è una di queste, e per la terza V/A propone quattro tracce ad opera di Karen Gwyer, Lily, Raven Cru e il fiorentino Dukwa.

Segnalata da: Elo

SVF Acid – DO EP + Jazzchamber 10” [BAKK]
SFV Acid aka Zane Reynolds è uno dei migliori prospetti della scena underground L.A.
Col suo Jazz-Lo-Fi acidume, anni di accanimento terapeutico su synth e drum machine finalmente
gli hanno fatto aprire una porta oltreoceano. L’interessata è una delle più giovani label di Den Haag, BAKK
(nel cui roster ci sono anche Legowelt e Aurora Halal), a pubblicare gli ultimi lavori del californiano, con
una speciale release che consta di un 12” ed un 10”-  venduti abbinati – per un totale di 8 tracce.
Potete monitorare per l’acquisto direttamente da Clone.

Segnalata da: Elo