I cookies ci aiutano a migliorare l'esperienza e a proteggerti. Continuando ad usare il sito, accetti le condizioni.

Open Eye Signal #15

di Saro Newcombe

Diamo spazio agli ascolti che ci hanno colpito, alle release che riteniamo più interessanti o alla musica che pensiamo valga la pena essere ascoltata: ecco a voi il quindicesimo episodio della nostra rubrica “Open Eye Signal”.

Cobo – Flamingo Ipanema EP [Wound Music]
Wound Music regala un nuovo EP ai nostalgici di House e Chicago House, stavolta affinato da sonorità tropicali e latine come già si evince dal nome dell’ep. Una traccia originale e tre remix ad opera K Alexi e Gari Romalis, quest’ultimo presenta infatti due reintepretazioni diverse dell’originale; degno di nota il “Night Move Mix”. Disponibile solo in vinile.

Segnalata da: Valentina Cogotti

Fango – Viscera 1/3 [Degustibus Music]
“The most insane italian since Berlusconi”, così lo definì Michael Meyer; non a caso, Fango colpisce ancora con un ep sorprendente, originale e senza pari, che sovrasta l’ascoltatore con suoni taglienti e imponenti. Un “delirio artistico” che prenderà forma in una serie di 3 EP; e questo è solo l’inizio.

Segnalata da: Valentina Cogotti

Tessela – Sorbet/Diving [Poly Kicks]
Rullante 4/4, spasmi e viaggi spazio-temproali grazie al nuovo 12″ di Ed Russel alias Tessela.
Presto in uscita su Poly Kicks – etichetta gestita e fondata nel 2013 con la collaborazione di suo fratello Truss.
Si raccomandano menti sobrie e cuffie ben salde.

Segnalata da: Mattia Cherchi

Emmanuelle ‎– L’Uomo D’Affari/Italove [Deewee]
Gli instancabili fratelli David e Stephen Dewaele, aka Soulwax, aka 2 Many djs, aka tanto altro ancora, pubblicano sulla loro etichetta il secondo Ep di Emmanuelle.
Di Emmanuelle non ho trovato praticamente nulla in rete, se non queste essenziali parole su Discog “Emmanuelle is a Rio born / Miami raised / Milano based artist”.
Poco importa, in linea con l’originalità che ci si aspetta dai due owner della label questo Ep si muove all’interno delle nu dance e dell’italo disco con estrema stravaganza, con un cantato in italiano che spiazza e rimane in testa. Italove insomma.

Segnalata da: Saro Newcombe

Michael Mayer & Kölsch – Dogma [IPSO]
In collaborazione con Kompakt, Kölsch fonda la sua etichetta IPSO. L’obiettivo che si è posto per il lancio della nuova label è quello d’invitare un altro artista con cui poter collaborare, imponendosi delle regole in stile Dogma 95 (movimento cinematografico fondato da Lars Von Trier e Thomas Vinterberg) ovvero quello di poter usare solo uno strumento. Per la prima uscita, Kölsch ha deciso di invitare uno dei fondatori della Kompakt: Michael Mayer, che ha scelto di utilizzare una Yamaha Organ appartenuto a Jörg Burgers. Il risultato sono due tracce dalle contaminazioni techno di cui la seconda, “Dogma 2” è una vera e propria arma da battaglia per il club.

Segnalata da: Gianpaolo Tuzzo

Landside – Chains [Just This]
Il duo italiano Hunter/Game ha iniziato una collaborazione con la band islandese Kúra dando così vita al progetto Landside e “Chains” si presenta come la loro terza uscita, che segue “Landside, Pt 1 & 2” a cui hanno partecipato come remixer artisti del calibro di Max Cooper, Extrawelt e Benjamin Damage. Chains è composto da quattro tracce, due originali: Chains e Desert Lake e due remix, ad opera di Axel Boman e i Beacon. Dal sound cupo e malinconico che a tratti ricorda le atmosfere islandesi, i Landside sono uno dei progetti più interessanti di questo 2016, un prodotto per lo più italiano di cui andare fieri.
Usciti per l’etichetta milanese Just This. Da tenere d’occhio.

Segnalata da: Gianpaolo Tuzzo

Wassermann – Die Schallplatte Remixe [Kompakt]
Il co-fondatore della Kompakt Records Wolfgang Voigt, torna alla produzione con uno dei suoi tantissimi pseudonimi (Gas, Vinyl Countdown e tanti altri): Wassermann. Nemmeno una settimana fa pubblica Die Schallplatte, traccia composta da diversi strati di synth ed accompagnata dal suo cantato in tedesco con tanto di vocoder di Kraftwerkiana memoria.
L’EP è composto da sei tracce in cui troviamo diverse versioni della canzone, la versione video ed instrumentale ed in più quattro remix, di cui due sempre ad opera di Voigt: uno come Vinyl Countdown ed uno come Wassermann stesso. I remix restanti sono di Rosenkranz e DJ Koze, la vera chicca di questa nuova uscita.

Segnalata da: Gianpaolo Tuzzo

Ben Lukas Boysen – Spells [Erased Tapes Records]
Un altro esordio in casa Erased Tapes, stavolta tocca al compositore e sound designer tedesco Ben Lukas Boysen che pubblica il suo quinto LP intitolato “Spells”. Un album composto da otto tracce, in cui alla musica al piano si miscelano elementi ambient ed elettronici che a tratti ricordano i lavori di un altro degli artisti più belli di casa Erased, Nils Frahm. Se avete bisogno di staccare, di rilassarvi un attimo, questo è sicuramente il disco che fa per voi.
Proprio qualche giorno fa è stato eletto come “Album of the Day” su Bandcamp.
Buon ascolto.

Segnalata da: Gianpaolo Tuzzo