I cookies ci aiutano a migliorare l'esperienza e a proteggerti. Continuando ad usare il sito, accetti le condizioni.

Prendete l’arte, il Salento, il buon cibo, le realtà del territorio più meritevoli, tanta elettronica: ecco a voi Sagra Elettronica

di Nicola Gatti

Cos’è una sagra? Una sagra non è altro che una festa popolare, aperta a tutti, dove si celebra un avvenimento o un prodotto in generale. Knick Knack, organizzazione che anima da ormai quattro anni l’estate (e non solo) salentina con eventi elettronici di grande appeal, ha pensato bene quest’anno di piegare la parola sagra alle proprie idee, fondando Sagra Elettronica: un evento davvero aperto a tutti, che si preannuncia culturalmente molto valido, che si terrà sabato 22 luglio. Ad essere celebrata, ovviamente, la musica elettronica, unendo i più classici dei dj sets ai live strumentali e all’arte figurativa, con installazioni e mostre fotogafiche. La musica non è trattata però alla stregua di un semplice “prodotto” ma, anzi, come collettore di persone, tradizioni, passioni; ed ecco che attorno ad essa ruoteranno street food locale (e qualsiasi dieta seguiate, potete stare tranquilli, ce n’è per tutti), spazi per la promozione per realtà meritevoli locali e non (le etichette Out-ER, Inkblots, Rhythmath, XCPT, Common Series, Pregnant Void, What Ever Not, Tape Tales, Raw Waxes, Recycle, poi Velvet Culture Festival, Salento Pride che promuove la ricchezza della diversità, il mercatino di vintage e artigianato Salento Street Market, la piattaforma di underground culture Frequency HZ, l’hub salentino dedicato alla fotografia LO.FT), e come detto sopra, l’arte in generale.

Parlando di quest’ultima, gli artisti chiamati in causa sono tre. Il primo è Massimiliano Manieri, scrittore e performer freelance, uno degli ultimi visionari impossibili, il quale presenterà Human Box, in collaborazione con Michaela Stifani: una “scatola da trasporto per coppia di corpi: ancora vivi?” nella quale il performer installerà il suo stesso corpo in un box in legno verticale contenente varie fessure e due corpi nudi dipinti; egli si definisce un argonauta d’altrove che con uno sguardo capace di specchiare l’umanità in tutta la sua iniquità, costruendo reali gabbie per canarini umani per far tornare alle piccole bestiole la voglia di fuggire via, o mettendo in scena il dolore del sé come un folle architetto di atti capitali. Il secondo artista presente è Fabrizio Fontana, artista visivo multidisciplinare attivo da oltre due decenni, che presenterà un trittico di stendardi, realizzati con Paolo Loschi, raffiguranti figure aliene, fervide e introspettive, già presentati in varie città d’Europa; Fontana esprime la sua creatività spaziando tra progetti artistici dalla differente tipologia e estetica, è stato recensito da Repubblica, Percorsi D’Arte in Italia, Exibart, Vorrel e tanti altri. Mariagrazia Giove, è la terza ospite di Sagra Elettronica. L’artista fotografica barese esporrà alcune opere della sua estemporanea mostra itinerante Musica Nomade, con la quale coglie varie sfumature della musica ritraendo musicisti, DJ, strumenti, ballerini e culture nei rispettivo habitat naturale, le strade del mondo, nelle quali i musicisti sono il tramite per rappresentare la Musica stessa; i suoi lavori sono già apparsi in rilevanti festival europei come Medimex e North Sea Jazz, e sono supportati da rilevanti esponenti del settore come Thomas Conrad (Jazz Times; New York City Jazz Records) e Hollis King (ex vice-presidente e direttore creativo di Verve Music Group).

Sagra Elettronica 2017

Dal punto di vista musicale Knick Knack non si è di certo risparmiata: vi sono l’inglese Lee Gamble, che sperimenta e innova da anni tra abstract noise, composizioni avant, jungle e dance irregolare, ed è capace di selezionare dal raggae alla musica classica con invidiabile expertise e naturalezza; Ancient Methods, incarnazione della black industrial music arricchita da elementi sonori funk; il duo italiano Corridoiokraut, specializzato in escursioni kraut, glitch e field recordings; Valerio Cosi, polistrumentista e sassofonista influenzato da più stili e contaminazioni elettroniche, jazz, musica africana e krautrock; Underspreche, un duo che propone House, Techno e lirica insieme: la loro performance si caratterizza per l’abbinamento di tracce, ritmi e ambienti elettronici a interventi vocali dal vivo; Max Nocco, batterista, DJ e collezionista di vinili salentino, una delle personalità musicalmente più complete della Puglia.

Sagra Elettronica 2017

Ovviamente anche il luogo scelto per ospitare Sagra Elettronica non poteva che essere una costruzione “della tradizione”: la masseria. In particolare, sarà la Masseria dell’Ospitale a Lecce ad accogliere il pubblico nel migliore dei modi. Anche gli sponsor che hanno supportato il progetto basano il loro operato sull’amore per il territorio e la tradizione locale: abbiamo l’azienda vinicola Cantine Paololeo, il birrificio artigianale Malatesta, il fornitore di bevande Linciano Vini e l’osteria Divina Provvidenza. Con queste premesse, Sagra Elettronica mostra la sua grande coerenza di progetto e una grande visione d’insieme, e si appresta al suo debutto nel migliore dei modi.

La prevendita è disponibile sul circuito DIY Ticket cliccando questo link (ad un prezzo veramente pop, 10 euro). È inoltre possibile pernottare una camera contattando l’organizzazione a sagraelettronica@gmail.com o prenotare il proprio posto in bus sul sito Busforfun.

SoundBound.it supporta Sagra Elettronica in quanto è un’iniziativa efficace e molto bella perchè capace di raccontare il Salento con uno sguardo diverso da quello ai quali i giovani si sono abituati negli ultimi anni, con l’idea di “ora e subito”. Questo evento di un giorno invece punta a vivere il territorio e farlo risaltare, punta alla scoperta della vera espressione artistica in tutte le sue forme attraverso la condivisione e l’onestà di chi ama davvero quello che fa. E questo noi lo apprezziamo davvero.